mercoledì, novembre 20

Natale

Arrivati al 20 novembre, anche i più distratti ormai si saranno accorti che il Natale è dietro l'angolo. C'è chi è infastidito e vede nella precoce apertura dei mercatini, una forma di marketing freddo ed opportunistico. E c'è chi invece, come me, è un inguaribile romantico e già dopo la festa di Ognissanti inizia a scalpitare e a sognare luminarie, vetrine colorate di rosso, alberi addobbati e oggetti fatti a mano con cura.
Questo periodo di attesa è carburante per le idee. Si inizia a pensare ai regali da fare e trovo che gli oggetti fatti a mano siano, insieme ai libri, i pochi prodotti rimasti in grado di scaldare il cuore.
Così mi sono messa a pensare a come vorrei che fosse la mia casa durante le vacanze natalizie, perché le tegole sono per me anche un modo di sognare le tantissime case diverse che mi piacerebbe avere (magari!).
La casa perfetta per me sarebbe in montagna, spolverata di neve, una semplice ghirlanda sulla porta, gli sci appoggiati al muro (questa è proprio pura fantasia visto che non ho mai sciato!!!) e, ciliegina sulla torta, un alberello addobbato che accoglie amici e parenti che vengono a farci visita!
Poi entrando, ci sarebbe la stufa accesa, la tavola imbandita, i nipotini che giocano...ma questa è tutta un'altra storia!







Nessun commento:

Posta un commento